COMFORT ACUSTICO E CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DEGLI EDIFICI

La qualificazione ambientale dell’edificio, necessaria per poterlo “certificare”, è il risultato di una serie di accorgimenti costruttivi legati all’applicazione di norme e criteri di sostenibilità.
Il comfort acustico degli edifici è uno dei fattori di riferimento su cui è basato l’approccio filosofico e metodologico della progettazione eco-compatibile.
L’acustica è un parametro di grande rilevanza che si introduce nel processo di progettazione e realizzazione di un edificio: dallo studio di fattibilità, alla progettazione esecutiva, alla direzione dei lavori, al collaudo. Il contributo del progettista acustico riguarda materiali e forme, distribuzione dei volumi e layout degli spazi e degli impianti, caratteristiche di macchinari e canalizzazioni, infissi, rivestimenti e arredi, considerando l’edificio come sistema di ricettori che necessitano di protezioni intrinseche alla struttura finita per limitare al minimo le immissioni provenienti dall’ambiente esterno, e quelle provenienti dagli spazi sorgente interni al sistema stesso.
Gli autori di questa memoria, a partire dai principi che definiscono la progettazione sostenibile, stanno elaborando, e calibrando attraverso casi di studio, una metodologia generale per la progettazione acusticamente compatibile degli edifici, con particolare riferimento a quelle tipologie di immobile che, per loro natura, collocazione e destinazione d’uso, sono destinate ad ospitare ricettori sensibili di rumore.

Autori: Bellomini, Calonaci, Luzzi, Passerini