L’APPROCCIO PARTECIPATIVO ADOTTATO NEL PROGETTO LIFE MONZA

Il progetto LIFE MONZA ha come scopo principale lo sviluppo di una metodologia facilmente replicabile e di linee guida per l’identificazione e la gestione di Noise Low Emission Zones (NLEZ), da intendersi come aree urbane nelle quali sono presenti livelli significativi di rumore e dove prevedere l’implementazione di restrizioni al traffico stradale. Gli effetti di tale metodologia vengono testati nell’area pilota situata in viale della Libertà del Comune di Monza.
Il secondo obiettivo del progetto riguarda l’adozione di specifiche misure top-down, adottate dal comune di Monza, in grado di trasformare l’area pilota in una NLEZ permanente e consistenti in interventi infrastrutturali e relativi alla gestione del traffico. Il terzo obiettivo è quello di coinvolgere i cittadini in un sistema di adozione di stili di vita più sostenibili (bottom-up measures), legati alla riduzione del rumore, al miglioramento della qualità dell’aria e delle condizioni di benessere nell’ambiente di vita e di lavoro. Il quarto obiettivo è ridurre i livelli di rumore medi nell’area pilota, con effetti complementari positivi anche sulla qualità dell’aria e benefici per le condizioni di benessere degli abitanti.
Nel presente articolo viene introdotto e descritto l’approccio partecipativo adottato nel progetto LIFE MONZA, il quale ha previsto il coinvolgimento dei cittadini in numerose attività.

Autori: Arcangeli, Bartalucci, Bellomini, Casati, Fasanella, Maggi