MATERIALI E METODOLOGIE PER L’ACUSTICA EDILIZIA PROVE IN LABORATORIO E PROVE IN OPERA

Il D.P.C.M. 5 dicembre 1997 stabilisce i valori limite per le prestazioni acustiche degli edifici e dei loro componenti, con riferimento agli indici di valutazione delle seguenti grandezze rilevate in opera:

indice di valutazione del potere fonoisolante apparente di partizioni interne (R’w);

indice di valutazione dell’isolamento acustico di facciata normalizzato rispetto al tempo di riverberazione (D2m,nT,w);

livello di rumore di calpestio normalizzato rispetto al tempo di riverberazione (L’n,w);

livello continuo equivalente di pressione sonora, ponderato A (LA,eq);

livello massimo di pressione sonora misurato con costante temporale slow, ponderato A (LA,s,max).

Un aspetto rilevante introdotto dal DPCM è che la verifica si basa solo su degli indici a singolo numero. Gli indici di valutazione, ovvero grandezze a singolo numero ottenute mediante un particolare processo di ponderazione, sono stati introdotti per agevolare la trasmissione delle informazioni e l’interpretazione dei dati sulle prestazioni acustiche dei prodotti da costruzione.

Autori: Busa, Passerini